Cerca

Life Cycle Thinking: un nuovo modo per pensare il prodotto dall’inizio alla fine

Nell’ambito di un mondo sempre più orientato alla sostenibilità, il “Life Cycle Thinking” (pensiero del ciclo di vita) emerge come un nuovo modo rivoluzionario di concepire i prodotti.

Picture of Saverio Lapini
Saverio Lapini

Esperto in cambiamento climatico

Punti chiave

Questa prospettiva, che va dal concepimento del prodotto alla fine del suo utilizzo e smaltimento, è un approccio olistico che ridefinisce il modo in cui affrontiamo la produzione e il consumo. Esploriamo insieme cosa significa il Life Cycle Thinking, come può essere definito e come questo approccio può rivoluzionare il modo in cui concepiamo e utilizziamo i prodotti.

Definizione di Life Cycle Thinking

Il Life Cycle Thinking è un approccio strategico che considera l’intero ciclo di vita di un prodotto, dalla progettazione alla produzione, all’uso e infine allo smaltimento. Questo metodo va oltre la prospettiva tradizionale di “cradle to gate” e abbraccia l’intera esistenza di un prodotto, incorporando concetti come “cradle to grave” e altre considerazioni importanti sulla produzione, l’uso e lo smaltimento di un prodotto.

Cradle to Gate, Cradle to Grave: ampliare l’orizzonte

Cradle to Gate

L’approccio tradizionale “Cradle to Gate” si concentra sulla produzione delle materie prime, dei semilavorati e del prodotto finito. In questo modello, l’attenzione è posta principalmente sugli impatti ambientali e sociali che si verificano durante queste fasi. Tuttavia, il Life Cycle Thinking va oltre, abbracciando anche le fasi di utilizzo e smaltimento del prodotto.

Cradle to Grave

Il “Cradle to Grave” si concentra su tutto il ciclo di vita di un prodotto, partendo dalla creazione dei materiali fino all’utilizzo da parte del cliente e smaltimento finale del prodotto. Questo approccio è fondamentale per valutare l’impatto ambientale del prodotto, e offre l’opportunità per ottimizzare tutte le fasi del processo produttivo.

Il grafico del life cycle thinking utilizzato dalle aziende per ripensare al prodotto

Scarica il riassunto dell'articolo in PDF

Life Cycle Thinking in azione

Quando applichi il Life Cycle Thinking nella tua azienda, ma anche più in generale nel modo di concepire un prodotto, ti accorgerai che l’intera catena produttiva può essere ottimizzata con risultati strabilianti. Applicare il concetto di sostenibilità a tutto il ciclo di vita significa ripensare completamente il nostro concetto di produzione.

Riduzione dell’impatto ambientale

Adottare il Life Cycle Thinking consente alle aziende di identificare e mitigare gli impatti ambientali lungo tutto il ciclo di vita del prodotto. Ad esempio, nell’ambito dell’approccio “Cradle to Gate“, è possibile esaminare i processi di estrazione, trasformazione e produzione dei materiali, cercando soluzioni più sostenibili e riducendo l’impatto complessivo. Ad esempio, potrai scoprire che la lattuga cresciuta in una serra ha un impatto ambientale maggiore a causa dell’energia utilizzata per riscaldare la serra.

Ottimizzazione delle risorse

Un altro vantaggio chiave del Life Cycle Thinking per le aziende è l’ottimizzazione delle risorse. Comprendendo le fasi iniziali del ciclo di vita, puoi identificare materiali e processi più sostenibili, riducendo gli sprechi e promuovendo un uso efficiente delle risorse. Ad esempio, puoi capire quanto abbasserebbe il tuo impatto ambientale l’utilizzo di acciaio riciclato o il riuso dei sottoprodotti.

Innovazione nel design

L’approccio del Life Cycle Thinking sfida le imprese a integrare la sostenibilità nel processo di progettazione stesso. Ciò può impattare anche sui prodotti realizzati. Chi pensa in funzione della sostenibilità penserà alla creazione di prodotti che siano non solo funzionali, ma anche ecologici e socialmente responsabili fin dalla fase di ideazione. Un esempio molto chiaro è la produzione di saponi, dove i produttori si stanno orientando su prodotti molto concentrati per ridurre le emissioni dovute al trasporto e al packaging.

Miglioramento della catena di approvvigionamento

Una visione completa del ciclo di vita del prodotto richiede una collaborazione stretta con la supply chain. Il Life Cycle Thinking incoraggia la trasparenza e la responsabilità lungo l’intera catena, facilitando la condivisione di pratiche sostenibili e la riduzione degli impatti negativi. Chi applica questo modo di pensare e di lavorare ha più probabilità di intrattenere partnership virtuose con aziende altrettanto attente e responsabili.

Quali sono i vantaggi del life cycle thinking per le aziende

Scarica il riassunto dell'articolo in PDF

Approccio Life Cycle Thinking: una svolta necessaria in tutti i settori

Adottare l’approccio del Life Cycle Thinking non è solo una scelta etica, ma diventa sempre più una necessità imperativa nell’attuale scenario globale. L’innovazione sostenibile è il motore del progresso, e considerare il ciclo di vita completo di un prodotto è la chiave per guidare questo cambiamento.

La frase “dalla culla alla tomba” (from cradle to grave) sottolinea la responsabilità che ognuno di noi ha nel ciclo di vita di un prodotto. I consumatori, le aziende e i responsabili delle politiche  internazionali devono collaborare per creare un ambiente in cui il Life Cycle Thinking diventi la norma, non l’eccezione.

Cosa puoi fare per far parte del cambiamento? Parti dal nostro strumento LCA – Life Cycle Assessment per capire quali sono le azioni concrete che la tua azienda non ha ancora messo in pratica e le risorse che puoi ottimizzare nel tuo cammino verso la sostenibilità. Saremo con te ad ogni passo.

Conclusioni

In conclusione, il Life Cycle Thinking è il faro che guida l’industria e la società verso un futuro sostenibile. Attraverso la consapevolezza del ciclo di vita completo dei prodotti, possiamo trasformare il modo in cui produciamo, consumiamo e interagiamo con il mondo. L’approccio Life Cycle Thinking non è solo una prospettiva; è il nostro biglietto per un futuro sostenibile.

Gli ultimi articoli
Hai bisogno di più informazioni?
Altri articoli
Ecolabel per il turismo e per le strutture ricettive, cosa è
Obiettivo Net Zero

Ecolabel nel turismo

L’ecolabel per il turismo rappresenta un’importante opportunità per tutti quegli operatori che vogliono distinguersi concretamente sul mercato grazie ad un’offerta di prodotti ecosostenibili. Punti chiave

Leggi Tutto »
Come il pnrr sta aiutando le imprese per il cambiamento climatico
Obiettivo Net Zero

Cambiamento climatico in Italia

Scopri come puoi ridurre le emissioni di CO2 all’interno della tua azienda e trarre vantaggio da questa transizione verso la maggior sostenibilità del tuo business

Leggi Tutto »
Come ridurre le emissioni di CO2 e quali sono le strategie di decarbonizzazione
Obiettivo Net Zero

Come ridurre le emissioni di CO2

Scopri come puoi ridurre le emissioni di CO2 all’interno della tua azienda e trarre vantaggio da questa transizione verso la maggior sostenibilità del tuo business

Leggi Tutto »
Cosa è e in cosa consiste il piano di efficientamento energetico al 2030 e 2050
Obiettivo Net Zero

Efficientamento energetico 2030

L’efficientamento energetico 2030 porta con decisione il concetto di eco-sostenibilità nel parco immobiliare dei paesi europei, definendo degli obiettivi ambiziosi per ridurre l’impatto ambientale di

Leggi Tutto »