Cerca

Ecodesign e sostenibilità: come migliorare i prodotti fin dalla fase di progettazione?

Vuoi migliorare i tuoi prodotti e renderli più sostenibili a cominciare dalla progettazione? Scopri come i contenuti della nuova direttiva ecodesign 2023 ti aiutano a soddisfare questo obiettivo. Per essere un’azienda davvero sostenibile, consulta il regolamento ecodesign e riduci l’impatto ambientale della tua produzione.

Saverio Lapini
Saverio Lapini

Esperto in cambiamento climatico

Punti chiave

In Ollum ci occupiamo di rendere la tua azienda altamente sostenibile. Un processo che può sembrare lungo ma che ha un alto impatto sulla tua reputazione e competitività sul mercato, sull’acquisizione di nuovi clienti. Ecco perché devi essere sempre più attento a temi come l’eco design e la sostenibilità aziendale

In questo articolo esploriamo in particolare la direttiva ecodesign 2023 che permette ai tuoi prodotti di essere sostenibili fin dalla fase di progettazione. 

Ecodesign e sostenibilità: la nuova direttiva 2023

La nuova direttiva sull’ecodesign 2023 stabilisce regole e norme che puntano a migliorare l’efficienza energetica e l’impatto ambientale dei prodotti immessi sul mercato europeo. Attraverso i requisiti specifici per la progettazione e la fabbricazione di prodotti, la direttiva vuole promuovere l’adozione di soluzioni più sostenibili in tutta la filiera produttiva.

Perché adottare l’ecodesign in fase di progettazione?

Permettici un focus sull’ecodesign. Questo indica un approccio al prodotto che mette al centro la sostenibilità dalle prime fasi di progettazione e sviluppo. Conosciuto anche come design sostenibile ha lo scopo di ridurre l’impatto ambientale del prodotto lungo il suo intero processo di produzione, utilizzo e smaltimento.

Direttiva ecodesign 2023: di cosa si tratta

Il sostegno delle istituzioni nel proporre e rendere attuative regolamentazioni come la direttiva sull’ecodesign è fondamentale. Viene chiesto alle aziende un impegno chiaro e preciso: investimenti in nuove tecnologie, più ricerca sulle materie prime e ridisegno dei processi produttivi. L’impegno è da vedere come una spesa: il regolamento ecodesign mira a produrre vantaggi a lungo termine per il settore produttivo.

I punti principali del nuovo regolamento sull’ecodesign

Negli ultimi anni, l’Europa è sempre più attenta alla riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti sul proprio territorio e alla promulgazione di direttive e regolamenti che impongono l’adozione dell’ecodesign per promuovere la sostenibilità nella fase della produzione. Per questo ha creato la Direttiva ecodesign 2023.

La normativa dell’Unione Europea 2009/125/CE, conosciuta anche come Energy related products (ErP) sancisce standard rigorosi per i prodotti commercializzati sul territorio europeo. 

La Commissione Europea definisce l’ecodesign in fase progettuale come un’integrazione sistemica degli aspetti ambientali nella progettazione del prodotto al fine di migliorare le prestazioni ambientali nel corso dell’intero ciclo di vita”. Questa definizione la puoi trovare nella Direttiva 98/2008/CE.

Stabilendo i requisiti minimi di eco-design per molti prodotti, si vuole raggiungere lo scopo di abbassare quanto più possibile il consumo energetico, migliorare l’efficienza e garantire una maggiore quantità di riciclo sull’intero prodotto. Sono stati introdotti anche test di conformità ai requisiti normativi e la richiesta di certificazioni che dimostrano il rispetto degli standard richiesti. 

efficientamento - regolamento ecodesign

Miglioramento dell’efficienza energetica

La direttiva 2023 sull’adozione dell’ecodesign in fase progettuale mira a promuovere maggiormente prodotti che vengano prodotti riducendo il consumo di energia richiesta. Se la progettazione di tali prodotti richiede una fonte energetica più sostenibile l’impronta viene ridotta ulteriormente. Si stima che l’adozione di questa misura potrebbe ridurre il consumo energetico del 30% entro il 2030

Utilizzo di materiali riciclabili

Se un prodotto viene già pensato e progettato per essere prodotto con materiali riciclabili, automaticamente riduce la sua impronta. Il nuovo regolamento sull’ecodesign incoraggia l’impiego di materiali che possano essere facilmente riciclati e che limitino l’accumulo di rifiuti. Il 70% di questi materiali, entro il 2030, dovrà rispettare questa normativa.

Innovazione tecnologica

La direttiva 2023 propone forti investimenti nel campo della ricerca e dell’innovazione tecnologica per trovare soluzioni avanzate per migliorare la sostenibilità dei prodotti. La ricerca dei materiali alla filiera produttiva, lo sviluppo delle nuove tecnologie e delle pratiche produttive sostenibili riguarderanno oltre il 25% dei prodotti sul mercato. Obiettivo: ridurre l’impatto ambientale, ovviamente e per fare ciò è opportuno anche pensare all’introduzione di un piano di sostenibilità.

ecodesign - tutela

Tutela della salute pubblica e ambientale

Il regolamento per l’adozione dell’ecodesign già in fase di progettazione dei prodotti stima che l’adozione di pratiche più sostenibili porterà ad un aumento considerevole della salute delle persone e dell’ambiente. Come? Migliorare la produzione e la progettazione dei prodotti riduce in modo significativo l’esposizione a sostanze tossiche e dannose. Ovviamente, l’obiettivo è da raggiungere entro il 2030.

Scarica il riassunto dell'articolo in PDF

Informazioni per i consumatori

Da sempre, l’Europa mira ad aumentare la consapevolezza del consumo per i suoi cittadini. La tracciabilità e la trasparenza sulle informazioni dei prodotti è uno degli strumenti più usati. Anche questa normativa ha in pancia questo obiettivo: entro il 2030 almeno l’80% dei prodotti dovrà fornire informazioni dettagliati sulle proprie caratteristiche di produzione.

Le informazioni obbligatorie che definisco un prodotto di ecodesign sono:

  • sicuramente l’applicazione dello standard ISO 14006:2020 o i principi ecologici della direttiva 2009/125 CE; 
  • l’indicazione delle componenti progettate secondo l’ecodesign;
  • le informazioni sull’effettiva riduzione dell’impatto ambientale di quella parte di prodotto progettato sulla base dei principi di cui parliamo in questo articolo.
Le informazioni obbligatorie che definisco un prodotto di ecodesign

Quando entrerà in vigore la nuova normativa sull’ecodesign

Nell’ambito del Green Deal, l’ESPR (il regolamento ecodesign approvato a luglio 2023 ma ancora in discussione, ma alle battute finali) la normativa deve essere applicata nei 27 paesi membri così com’è, senza una declinazione nazionale. 

Viene introdotto il passaporto digitale (DDP), che contiene tutte le informazioni relative al prodotto anche se alcune aziende hanno già adottato questa misura ancora prima dell’approvazione definitiva.

Qui la proposta integrale.

Le ultime sessioni prima dell’approvazione generale danno per prioritari prodotti tessili, detergenti, pneumatici, mobili, prodotti chimici e lubrificanti. Quindi si parla di ferro, acciaio, alluminio, indumenti e calzature, vernici. Inoltre, viene introdotta l’obsolescenza by design ovvero anche le pratiche solitamente associate all’obsolescenza programmata o precoce di alcuni prodotti. Tutto questo verrà confermato prossimamente con la delibera definitiva del regolamento. 

Nel frattempo, al momento sono confermati la richiesta dei requisiti ecologici su un elenco di prodotti già definito.

La nuova normativa che andrebbe a sostituire quella attuale dovrebbe entrare in vigore entro 18 mesi dall’approvazione definitiva. L’entrata in vigore attesa è il 2024.

A chi si applica la normativa sull’ecodesign?

La nuova normativa sull’ecodesign applica i suoi requisiti ecologici ad oltre 40 tipi di prodotto (che sono responsabili di una buona parte dell’emissione dei gas serra in Europa). 

I prodotti a cui sono applicabile la direttiva sull’ecodesign 2023 sono quelli che utilizzano, usano o trasferiscono energia come pc, tv, lavatrici, asciugatrici, apparecchiature che devono essere collegate alla rete in modo stand-by, dispositivi di riscaldamento e raffreddamento e altri prodotti come i motori elettrici. Qui un elenco completo dei prodotti che devono essere progettati secondo i principi dell’ecodesign. I prodotti che non necessariamente consumano energia invece ma che comunque possono contribuire ad un risparmio energetico a cui si applica la direttiva sono finestre, materiali isolanti, rubinetti e altri prodotti simili. 

I vantaggi nell’adottare l’ecodesign in fase di progettazione

Quali sono i vantaggi per la tua azienda se adotti la nuova direttiva per ecodesign in fase di progettazione del prodotto? 

Innanzi tutto, la reputazione aziendale ne ricava immediatamente un beneficio senza il rischio di essere tacciati di green washing. L’adozione dei dettami della nuova direttiva 2023 sull’ecodesign e la sostenibilità sono una scelta profonda e consapevole per ogni impresa. Ovviamente, i vantaggi non finiscono qui ma si concretizzano nella riduzione dei costi operativi perché si ottiene un’ottimizzazione dei processi, una riduzione dei rifiuti e un miglioramento dell’efficienza energetica generale

vantaggi dell'eco-design

Il regolamento ecodesign 2023 è da adottare quanto prima

L’adozione del regolamento ecodesign 2023 è da applicare quanto prima.

La sostituzione di materiali non riciclabili con alternative ecocompatibili, la riduzione del consumo energetico e la riduzione dell’impatto ambientale in fase progettuale sono vantaggi tangibili che permettono all’azienda di essere competitiva e innovativa. 

L’impegno ad implementare pratiche compatibili con la Direttiva UE sull’ecodesign migliorerà la spendibilità dei prodotti e anticiperà il trend della domanda che il mercato fa già da tempo di produzioni che mirano alla riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti da parte dei consumatori. 

Direttiva ecodesign 2023: Ollum è dalla tua parte

La direttiva europea sull’ecodesign 2023 è la manifestazione concreta di un mercato che si orienta, fin dalla fase di progettazione, alla realizzazione di prodotti eco-friendly che soddisfano la domanda di consumatori e società. Se hai necessità di riorientare la bussola della tua azienda verso un nord sempre più verde, noi di Ollum possiamo aiutarti in modo concreto. Contattaci e scopri subito come. 

Scarica il riassunto dell'articolo in PDF

Gli ultimi articoli
Hai bisogno di più informazioni?
Altri articoli
Come ridurre le emissioni di CO2 e quali sono le strategie di decarbonizzazione
Obiettivo Net Zero
Come ridurre le emissioni di CO2

Scopri come puoi ridurre le emissioni di CO2 all’interno della tua azienda e trarre vantaggio da questa transizione verso la maggior sostenibilità del tuo business

Leggi Tutto »
Cosa è e in cosa consiste il piano di efficientamento energetico al 2030 e 2050
Obiettivo Net Zero
Efficientamento energetico 2030

L’efficientamento energetico 2030 porta con decisione il concetto di eco-sostenibilità nel parco immobiliare dei paesi europei, definendo degli obiettivi ambiziosi per ridurre l’impatto ambientale di

Leggi Tutto »

Scarica il riassunto dell'articolo in PDF