Cerca

Direttiva CSRD: a chi si applica e quando entra in vigore

La nuova direttiva CSRD rende il bilancio di sostenibilità obbligatorio per 50,000 aziende europee, a partire dal report di sostenibilità 2024.

Picture of Saverio Lapini
Saverio Lapini

Esperto in cambiamento climatico

Punti chiave

Cosa è la direttiva CSRD

La direttiva CSRD (Corporate Sustainability Reporting Directive) è una direttiva dell’Unione Europea. La direttiva intende migliorare la trasparenza delle informazioni ambientali, sociali e di governance (ESG) delle aziende. 

La CSRD è strettamente connessa all’Action Plan on Financing Sustainable Growth. L’action plan ha l’obiettivo di indirizzare i capitali verso attività sostenibili e finanziare la transizione ecologica dell’Unione Europea.

Tuttavia, è necessario fornire informazioni accurate agli investitori se vogliamo far crescere gli investimenti ESG. Per questo motivo, la Commissione Europea ha deciso di estendere l’obbligo di redigere il bilancio di sostenibilità a molte più aziende. Inoltre, grazie alla direttiva CSDD sarà obbligatorio fare una valutazione sociale e ambientale della catena di fornitura.  

Infatti, la CSRD estende l’applicazione della precedente NFRD (Non Financial Reporting Directive). Ciò significa che un numero maggiore di imprese sarà coinvolto nella rendicontazione di sostenibilità, e sarà quindi soggetto allo scrutinio di investitori e stakeholder.

Inoltre, la Corporate Sustainability Reporting Directive prevede l’adozione di standard di rendicontazione obbligatori. I nuovi standard dovrebbero consentire la comparazione delle informazioni sull’impatto ambientale, sociale e di governance delle imprese.

Tempi e scadenza della direttiva CSRD, a partire dalla proposta di legge fino all'approvazione alla Commissione Europea
Scarica il riassunto in PDF

A chi si applica la direttiva CSRD

La direttiva CSRD amplia il numero di società che sono tenute a pubblicare una dichiarazione non finanziaria. In Europa, le società che dovranno pubblicare un bilancio di sostenibilità passeranno da circa 10,000 a circa 50,000.

Secondo la direttiva CSRD, le società che dovranno pubblicare un bilancio di sostenibilità ambientale, sociale e di governance sono:

  • Tutte le società europee quotate sui mercati finanziari, ad eccezione delle microimprese.
  • Tutte le grandi società europee non quotate sui mercati finanziari, che soddisfino almeno due dei seguenti criteri:
    1. Fatturato superiore a € 40 Milioni;
    2. Patrimonio attivo superiore a € 20 Milioni;
    3. Oltre 250 dipendenti.
  • Società extra-europee che generino un fatturato di almeno € 150 Milioni all’interno dell’Unione Europea.

Le società controllate da un’altra società potranno astenersi dal pubblicare un bilancio di sostenibilità, a patto che siano ricomprese nel report di sostenibilità della Capogruppo.

Aziende a cui si applica la direttiva CSRD e devono redigere il bilancio di sostenibilità obbligatorio secondo gli standard EFRAG

Quando entra in vigore la direttiva CSRD

La Corporate Sustainability Reporting Directive è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 14 dicembre 2022, ed è entrata in vigore 20 giorni dopo. Da allora, gli stati membri hanno 18 mesi di tempo per recepire la direttiva all’interno delle proprie legislazioni.

La CSRD prevede la pubblicazione a scaglioni del bilancio di sostenibilità obbligatorio. In altre parole, i diversi tipi di società saranno obbligate a pubblicare un report di sostenibilità in tempi diversi.

In particolare, queste sono le date di pubblicazione obbligatoria dei report di sostenibilità secondo la CSRD:

  • Società quotate con oltre 500 dipendenti: a partire da gennaio 2025 pubblicheranno il bilancio di sostenibilità riferito all’anno fiscale 2024.
  • Grandi società non quotate: a partire da gennaio 2026 pubblicheranno il bilancio di sostenibilità riferito all’anno fiscale 2025.
  • PMI quotate sui mercati finanziari: a partire da gennaio 2027 pubblicheranno il bilancio di sostenibilità riferito all’anno fiscale 2026.
  • Società extra-europee che generino un fatturato di almeno € 150 Milioni all’interno dell’Unione Europea: a partire da gennaio 2029 pubblicheranno il bilancio di sostenibilità riferito all’anno fiscale 2028
Quando entra in vigore l'obbligo di pubblicare il bilancio di sostenibilità secondo la CSRD dal 2025 al 2029
Scarica il riassunto in PDF

Dove pubblicare il bilancio di sostenibilità

Il bilancio di sostenibilità non potrà più essere un documento isolato, come invece permettevano di fare i GRI standards. Secondo la nuova direttiva CSRD, sarà obbligatorio inserire il bilancio ESG all’interno della relazione sulla gestione.

In questo modo, il report di sostenibilità diventerà parte integrante del bilancio economico-finanziario delle aziende. Con la direttiva CSRD L’Unione Europea indica chiaramente che la performance ESG non è meno importante della performance economica di un’azienda.

La Corporate Sustainability Reporting Directive prevede che, oltre al bilancio civilistico, anche il bilancio di sostenibilità venga sottoposto ad assurance da parte di una società di revisione accreditata. Questo dovrebbe rendere i dati ESG più affidabili e comparabili, permettendo agli investitori di utilizzare criteri ESG nei loro investimenti.

Se hai bisogno di ispirazione, puoi consultare i cinque migliori esempi di bilancio di sostenibilità.

La doppia materialità nella direttiva CSRD

L’analisi di materialità è il processo con cui si determinano i principali aspetti di sostenibilità ambientale, sociale e di governance da includere in bilancio. La direttiva CSRD obbligherà ad effettuare l’analisi di materialità secondo nuovi criteri, superando i GRI standards utilizzati fino a questo momento.

Prima che la Corporate Sustainability Reporting Directive entrasse in vigore, l’analisi di materialità considerava soltanto gli impatti che le aziende avevano sul mondo esterno. 

La direttiva CSRD introduce invece un nuovo concetto per i bilanci di sostenibilità: la doppia materialità. Questo criterio spinge le aziende a considerare non soltanto i loro impatti sul mondo esterno, ma anche gli impatti del mondo esterno verso l’azienda.

Ad esempio, le emissioni di CO2 vengono considerate materiali perché il cambiamento climatico crea danni a persone ed ecosistemi. Tuttavia, con la doppia materialità si considera anche l’impatto finanziario che l’emissione di CO2 avrà ull’azienda, soprattutto quando la carbon tax entrerà in vigore.

La doppia materialità ESG spinge le aziende a considerare la sostenibilità non come un’esternalità, ma come un fattore di rischio per il proprio business.

Comparazione tra report di sostenibilità ESG with reference ai GRI standards ed un bilancio di sostenibilità ESG in accordance ai GRI standard
Scarica il riassunto in PDF

Direttiva CSRD e nuovi standard EFRAG

Per rendere la CSRD ancora più efficace, l’Unione Europea sta elaborando dei nuovi standard per i bilanci di sostenibilità.

L’organizzazione incaricata di sviluppare i nuovi standard è l’EFRAG – European Financial Reporting Advisory Group. L’EFRAG elaborerà i nuovi standard di rendicontazione basandosi sugli standard esistenti, come i GRI, SASB, IIRC e CDP.

I nuovi standard prendono il nome di European Sustainability Reporting Standards (ESRS) e la versione definitiva non è ancora stata pubblicata. Giudicando dalle bozze condivise fino ad ora, il bilancio di sostenibilità sarà un bilancio ambientale, sociale e di governance, e includerà molte informazioni.  

Riguardo ai temi ESG inclusi nel bilancio di sostenibilità, dovranno essere rendicontate le seguenti informazioni:

  • Principali rischi ESG dell’azienda.
  • Strategia per mitigare i rischi ESG identificati.
  • Descrizione del processo di definizione della materialità.
  • Obiettivi di sostenibilità stabiliti dall’azienda.
  • Politiche e procedure sui fattori di sostenibilità ambientale, sociale e di governance.
  • Due diligence ESG per individuare e mitigare i principali impatti.
  • Indicatori rilevanti per valutare la performance ESG dell’azienda.

Come adeguarsi alla direttiva CSRD

La nuova direttiva CSRD richiederà la pubblicazione di nuove informazioni di sostenibilità. Tuttavia, molte di queste informazioninon sono facilmente reperibili per tutte le aziende.

Visto il grande sforzo necessario per gestire i temi di sostenibilità, molte aziende hanno già iniziato a pubblicare un rapporto di sostenibilità.

Contattaci per avere maggiori informazioni su come possiamo supportare la tua azienda nel percorso di sostenibilità.

Scarica il riassunto in PDF
Hai bisogno di più informazioni?
Gli ultimi articoli
Hai bisogno di più informazioni?
Altri articoli
Ecolabel per il turismo e per le strutture ricettive, cosa è
Obiettivo Net Zero

Ecolabel nel turismo

L’ecolabel per il turismo rappresenta un’importante opportunità per tutti quegli operatori che vogliono distinguersi concretamente sul mercato grazie ad un’offerta di prodotti ecosostenibili. Punti chiave

Leggi Tutto »
Come il pnrr sta aiutando le imprese per il cambiamento climatico
Obiettivo Net Zero

Cambiamento climatico in Italia

Scopri come puoi ridurre le emissioni di CO2 all’interno della tua azienda e trarre vantaggio da questa transizione verso la maggior sostenibilità del tuo business

Leggi Tutto »
Come ridurre le emissioni di CO2 e quali sono le strategie di decarbonizzazione
Obiettivo Net Zero

Come ridurre le emissioni di CO2

Scopri come puoi ridurre le emissioni di CO2 all’interno della tua azienda e trarre vantaggio da questa transizione verso la maggior sostenibilità del tuo business

Leggi Tutto »
Cosa è e in cosa consiste il piano di efficientamento energetico al 2030 e 2050
Obiettivo Net Zero

Efficientamento energetico 2030

L’efficientamento energetico 2030 porta con decisione il concetto di eco-sostenibilità nel parco immobiliare dei paesi europei, definendo degli obiettivi ambiziosi per ridurre l’impatto ambientale di

Leggi Tutto »